Friday, May 20, 2022

Come Interrompere Una Gravidanza

Devi leggere
- Advertisement -

E’ necessario che la presenza di uno dei due requisiti suddetti venga certificata da un medico, tramite esami specifici prenatali come advert esempio l’amniocentesi o la villocentesi, che sono invasivi e dunque non del tutto esenti da rischi per il feto. Questi esami sono gratuiti per tutte le gravidanze che sono considerate “a rischio”, come ad esempio per le donne in attesa di età superiore ai 35 anni. Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico.

come interrompere una gravidanza

Per la richiesta di un IGV la donna dovrà recarsi presso il consultorio più vicino o dal proprio ginecologo di fiducia e richiedere il certificato apposito con cui poi potrà rivolgersi advert una struttura sanitaria pubblica o convenzionata e prenotare il servizio gratuitamente. Si fa trascorrere un certo tempo dalla richiesta all’intervento stesso, advert esempio una settimana/10 giorni, per permettere alla richiedente un eventuale ripensamento, a meno che non vi sia l’urgenza di eseguire l’aborto per scadenza dei termini. Come abbiamo più volte anticipato, in Italia abortire è una pratica gratuita, proprio perché è un diritto riconosciuto ad ogni donna, a prescindere quindi dalle disponibilità economiche. La gratuità vale se l’intervento viene effettuato mediante il Servizio sanitario nazionale, ed è garantito anche alle donne che non hanno la cittadinanza italiana. Non solo l’intervento vero e proprio, ma anche gli incontri e le visite preliminari non sono soggetti a costi di alcun tipo.

Entro Quando Può Essere Effettuato

Questo anche perché se il feto nasce vivo, la legge impone che debba essere rianimato, cosa che peraltro è uno dei punti considerati più controversi della legge, e contestato anche da chi in generale la ritiene una buona legge sull’interruzione di gravidanza. È un inganno che si risolva il problema “prendendo solo una pillola”… perché l’embrione è dentro al corpo e all’anima della madre. La scienza dovrebbe pure avere gli occhi della mente, della ragione, dell’intelligenza, proprio quelle menti mediche dovrebbero tutelare la salute delle donne». La pillola abortiva è un farmaco che viene utilizzato nella procedura che porta all’interruzione di gravidanza. L’interruzione volontaria di gravidanza consiste nel ricorso alla conclusione della vita di un embrione per ragioni esogene.

  • “Purtroppo, però, non tutti i centri che eseguono aborti terapeutici seguono questo protocollo, il che finisce per provocare alle donne sofferenze inutili”.
  • Quindi il medico esamina la cervice e anestetizza la zona, poi utilizza un sistema di aspirazione per prelevare l’embrione.
  • Come scrive la dottoressa Claudia Ravaldi, “L’aborto è un evento che segna il vissuto di moltissime donne e può condizionare la loro successiva genitorialità con i bambini che vengono dopo”.
  • Anche se viene utilizzato il metodo di aspirazione e raschiamento, il ginecologo deve esaminare l’utero e anestetizzare la cervice.
  • Nonostante l’intervento sia sicuro, resta pur sempre una pratica chirurgica invasiva alla quale si deve ricorrere solo in caso di necessità.
  • Un taglio cesareo in questa epoca di gravidanza può essere molto rischioso e invasivo, di conseguenza si predilige sempre un’induzione farmacologica del travaglio.

La paziente arriva in ospedale o nella struttura sanitaria scelta al mattino e va through la sera, meglio se accompagnata. Si può praticare quando la gravidanza non abbia superato le sette settimane . Si tratta sempre di una pratica medica che si basa sull’assunzione di due farmaci diversi nell’arco delle forty eight ore. I principi attivi su cui questo tipo di IVG precoce si basa sono il mifepristone, conosciuto con la sigla RU486, e una prostaglandina.

In Questo Articolo

Nella maggior parte dei casi, dalla 16° settimana in poi sono più usati in Italia alcuni protocolli che consistono nell’ induzione di un piccolo travaglio di parto che permetta all’utero di espellere il feto. L’RU486 interrompe nella quasi totalità dei casi (il 97%) la gravidanza in atto. Nel 2-3% dei casi in cui la gravidanza non sia conclusa, è necessario ricorrere all’IVG chirurgica. Se la gravidanza non ha alcuna complicazione e se il medico non consiglia assoluto riposo , le attività quotidiane, di solito, non causano l’aborto spontaneo. Le motivazioni che spingono all’aborto volontario possono essere molteplici.

Lo scopo principe della legge è la tutela sociale della maternità e la prevenzione dell’aborto attraverso la rete dei consultori familiari, al nice di perseguire le politiche di tutela della salute delle donne. Obiettivo primario della legge è la tutela sociale della maternità e la prevenzione dell’aborto attraverso la rete dei consultori familiari, un obiettivo che si intende perseguire nell’ambito delle politiche di tutela della salute delle donne. L’aborto può essere effettuato in ospedale o in case di cura e poliambulatori autorizzati. Il medico che procede all’operazione deve obbligatoriamente informare la donna di tutte le procedure e delle possibili conseguenze. Per chi sceglie di procedere nelle strutture pubbliche, l’aborto è gratuito (salvo il costo del ticket per le analisi e dei farmaci dopo l’intervento) mentre nelle cliniche non-public costa all’incirca 2.000 o 3.000 euro. Se sanguini eccessivamente o i crampi diventano troppo dolorosi, contatta il tuo medico.

Come Si Abortisce

Il costo della pillola abortiva o dell’intervento chirurgico è interamente a carico dello Stato. Informati se la clinica che hai contattato effettua l’interruzione di gravidanza. Molti centri, invece, cercano solamente di dissuadere le donne ad abortire. Fare una semplice domanda al telefono ti darà le risposte che cerchi. In molti Paesi la legge impone dei limiti su quando poter abortire.

come interrompere una gravidanza

Molte chiamano perché sono interessate ad un aborto in casa, la maggior parte provengono da situazioni di difficoltà familiare. Per maggiori informazioni utili sull’aborto volontario, potete visionare il sito di Epicentro. L’obiezione di coscienza permette infatti ad un medico di rifiutare di eseguire un aborto, per motivi morali e religiosi. Questo rende difficile l’accesso all’aborto per tante donne italiane, in particolar modo al Sud, dove in certe regioni la percentuale di medici obiettori è addirittura superiore all’80%. L’aborto volontario è quindi un diritto per la donna, anche se in realtà la legge non è suffiiciente per garantire tale diritto. E’ possibile di solito scegliere se eseguirlo in anestesia generale o in anestesia locale e il metodo più utilizzato è quello di Karman che prevede l’aspirazione del contenuto uterino seguita spesso da una cauta pulizia delle pareti dell’utero con un “cucchiaio” metallico.

Procedura Interruzione Volontaria Di Gravidanza

L’IVG farmacologica richiede il ricovero ospedaliero per l’assunzione di due farmaci (RU486/mifepristone e misoprostolo) a distanza di forty eight ore tra loro, e la visita di controllo per verificare le condizioni di salute della donna e lo stato della gravidanza. È importante assicurarsi che l’utero si svuoti completamente, al termine della procedura. In caso contrario sarà necessaria una revisione della cavità uterina , ovvero un piccolo intervento chirurgico che permetta di rimuovere quanto ancora presente nell’utero. Per richiedere una interruzione volontaria di gravidanza utilizzando il metodo farmacologico è necessario recarsi dal proprio medico di famiglia, ginecologo o in un consultorio familiare o presso una altra struttura che effettua IVG .

come interrompere una gravidanza

Ricordate comunque che la vostra ASL ha il dovere di garantirvi l’intervento di interruzione di gravidanza o di mettervi in contatto con la struttura più vicina. Qualora il medico che vi rilascia il certificato riscontri una urgenza potrà esimervi dalla riflessione di 7 giorni rilasciandovi un certificato con la dizione “urgente”. Potrebbero altresì manifestarsi nausea e vomito dopo un aborto volontario farmacologico o a causa dell’anestesia generale in caso di aborto chirurgico. Come accennato, l’aborto terapeutico è una tipologia di aborto che può essere effettuata anche dopo i ninety giorni di gestazione per motivi medici, al fantastic di preservare la salute psicofisica materna o allo scopo di evitare lo sviluppo di un feto affetto da gravi patologie o malformazioni. Oltre a ciò, vi sono controindicazioni specifiche a seconda di quando l’interruzione di gravidanza viene effettuata.

come interrompere una gravidanza

Dopo un aborto, si possono avere dei dolori simili a quelli mestruali e del sanguinamento vaginale, che dovrebbero diminuire gradualmente dopo pochi giorni. Dilatazione ed espulsione chirurgica − Eseguibile dalla quindicesima settimana di gravidanza. La dilatazione ed espulsione chirurgica è una procedura effettuata sotto anestesia generale. La cervice viene dilatata e usando il forcipe e il tubo di suzione si rimuove il feto. Questa procedura generalmente dura minuti e, se si è in salute e non si hanno complicazioni, si può essere dimesse nello stesso giorno.

Questo è ciò che la Legge 194 che regola “Le norme per la tutela della maternità e sull’interruzione volontaria della gravidanza” prevede. Le donne maggiorenni possono richiedere il servizio direttamente, per le minorenni è invece richiesto il consenso firmato dei genitori o di chi ne fa le veci . In alcuni casi, per effettuare un’interruzione volontaria di gravidanza dopo i primi 90 giorni, si procede in ambiente ospedaliero e sotto guida ecografica con un’iniezione intracardiaca nel feto di una sostanza che determina l’arresto cardiaco.

come interrompere una gravidanza

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -
Ultime notizie

Rita Levi Montalcini Eta Morte

Sempre a favore dei giovani scienziati, nel marzo 2012 rivolge un appello al governo Monti insieme al senatore Ignazio...
- Advertisement -

Altri articoli come questo

- Advertisement -